HomePoliticaTaormina 2023: D'Agostino verso il sì definitivo a Bolognari

Taormina 2023: D’Agostino verso il sì definitivo a Bolognari

TAORMINA – Mario D’Agostino rimane uno degli attori principali della corsa alle elezioni Amministrative del 2023. Il chirurgo taorminese è stato determinante nel 2018, nella sfida che si concluse con il successo di Mario Bolognari e avrà un ruolo importante anche stavolta. Resta da capire quale posizione politica sceglierà, se sosterrà nuovamente Bolognari o se invece proverà lui direttamente a tentare la carta della candidatura a sindaco.

D’Agostino non sembra avere una gran voglia di candidarsi a sindaco e, non a caso, lo abbiamo evidenziato a più riprese, a maggior ragione perché si va verso una nuova legislatura in cui sarà tutt’altro che semplice il compito che attende il prossimo sindaco. I problemi da affrontare saranno tanti e pochi invece i margini di manovra per chi amministrerà, perché il dissesto non è finito e accompagnerà la città per altri due anni.

Il leader di Intesa Democratica, alla fine pare propenso a sostenere di nuovo Bolognari e si starebbe orientando a grandi passi in questa direzione, con la certezza di poter avere con il proprio gruppo un ruolo di identica importanza o forse persino più centrale rispetto a questi cinque anni, tanto più se Mauro Passalacqua e qualcun altro dovessero traghettare verso altri fronti, liberando posizioni e spazi strategici.

Si fa così probabile lo scenario di una conferma in campo, sulla scena politica taorminese, della moglie di D’Agostino, la presidente del Consiglio comunale, Lucia Gaberscek, figura gradita al sindaco Bolognari, che – in caso di rielezione – non avrebbe problemi a garantirle nuovamente un ruolo di primo piano, sempre sulla poltrona principale del Civico consesso o altrimenti stavolta con un posto in Giunta e delle deleghe di peso.

L’assalto alla sindacatura, insomma, può attendere, verso un 2023 che intanto promette subito per D’Agostino significative novità professionali, che in questo momento rappresentano decisamente la priorità rispetto alle incerte alchimie delle trame politiche locali.

ARTICOLI CORRELATI

POTREBBE INTERESSARTI

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

35,398FansMi piace
1,564FollowerSegui