HomeAperturaTerremoto Juve: 15 punti di penalizzazione per il caso plusvalenze

Terremoto Juve: 15 punti di penalizzazione per il caso plusvalenze

Juventus’ Andrea Agnelli during the Italian Serie A soccer match Torino FC vs Juventus FC at the Olimpico Grande Torino stadium in Turin, Italy, 15 october 2022 ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

Stangata per la Juventus, che a distanza di 17 anni da Calciopoli fa i conti nuovamente con l’incubo dei tribunali che sconvolge il club bianconero. Il caso plusvalenze che riguarda la Juventus ha portato alla riapertura del processo sportivo. La Corte federale ha così accolto l’istanza per la revocazione del processo plusvalenze, presentata dalla procura della Figc sanzionando la Juventus con una penalizzazione di 15 punti in classifica. Una stangata persino superiore alla richiesta della Procura federale che era stata di 9 punti di penalità. Prosciolti tutti gli altri club.

La Juventus si difenderà al Consiglio di garanzia del Coni per l’appello, per la legittimità processuale e non per il merito della sentenza. Questo significa che la società bianconera non potrà puntare ad avere una riduzione della penalità, ma solo a un annullamento della sentenza. A 10 giorni dalla sentenza verranno reso note le motivazioni.

IL COMUNICATO DELLA FIGC:

La Corte Federale di Appello presieduta da Mario Luigi Torsello ha accolto in parte il ricorso della Procura Federale sulla revocazione parziale della decisione della Corte Federale di Appello a Sezioni Unite n. 89 del 27 maggio scorso, sanzionando la Juventus con 15 punti di penalizzazione da scontare nella corrente stagione sportiva e con una serie di inibizioni per 11 dirigenti bianconeri (30 mesi a Paratici, 24 mesi ad Agnelli e Arrivabene, 16 mesi a Cherubini, 8 mesi a Nedved, Garimberti, Vellano, Venier, Hughes, Marilungo e Roncaglio).

La Corte ha confermato il proscioglimento per gli altri 8 club coinvolti (Sampdoria, Pro Vercelli, Genoa, Parma, Pisa, Empoli, Novara e Pescara) e i rispettivi amministratori e dirigenti.

LA SANZIONE DELLA CORTE D’APPELLO FEDERALE.

La Corte d’Appello federale ha acuito le richieste della Procura in merito alle sanzioni inflitte alla Juventus e ai suoi dirigenti nel caso plusvalenze.

Alla Juventus sono stati inflitti 15 punti di penalizzazione in classifica. Per quanto riguarda la dirigenza: 2 anni e mezzo di inibizione a Fabio Paratici, 2 anni ad Andrea Agnelli e Maurizio Arrivabene, 1 anno e 4 mesi a Cherubini e 8 mesi a Nedved.

ARTICOLI CORRELATI

POTREBBE INTERESSARTI

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

35,398FansMi piace
1,564FollowerSegui