HomeHomeTaormina 2023: D'Agostino pensa di mollare Bolognari per candidarsi

Taormina 2023: D’Agostino pensa di mollare Bolognari per candidarsi

TAORMINA – E’ successo di tutto e di più nelle ultime ore del 2022 e ancora adesso si sta verificando un’accelerazione che potrebbe risultare determinante per la composizione del quadro politico in vista delle elezioni Comunali a Taormina.

Mario D’Agostino, primo alleato dell’attuale sindaco Mario Bolognari, potrebbe spiazzare tutti e far venire meno il sostegno alla ricandidatura del professore. Il chirurgo taorminese da tempo ormai è dubbioso sul sostegno bis a Bolognari e non ritiene forte, in sostanza, questa ulteriore candidatura del sindaco, in uno scenario differente rispetto a quello del 2018.

La scelta più logica e più “comoda” sarebbe quella di rinnovare l’intesa e garantire anche stavolta il sostegno a Bolognari ma D’Agostino non è affatto convinto di percorrere questa strada. Prima di Capodanno ha incontrato i suoi simpatizzanti, alla presenza anche di due assessori dell’attuale Giunta e di alcuni consiglieri a lui da sempre vicini (ma anche con qualche altra presenza a sorpresa).

Il brindisi di fine anno è diventato un segnale chiaro a Bolognari, ma anche e soprattutto un gesto significativo da parte di D’Agostino che ora starebbe prendendo sul serio in considerazione l’opportunità di scendere in campo, se dovessero esserci le condizioni politiche. Il figlio del compianto Carmelantonio D’Agostino ora potrebbe davvero rompere gli indugi e dare l’assalto alla prima poltrona di Palazzo dei Giurati, provando così a regolare i conti con un destino che si rivelò cinico e spietato nel 2007, l’anno in cui il papà venne strappato alla vita dopo poco più di un anno dalla sua elezione a sindaco.

Bolognari ha ufficializzato la sua candidatura e ha messo così alle strette con D’Agostino. Bisognerà vedere come reagirà quest’ultimo all’annuncio del 31 dicembre: magari si dirà che era tutto concordato, in realtà non è esattamente così.

D’Agostino è chiamato adesso a decidere in tempi stretti se rinnovare il ticket politico del 2018 o salutare il professore a fine mandato come avvenne cinque anni fa con l’allora sindaco Eligio Giardina.

All’orizzonte potrebbero esserci delle sorprese anche perché il leader di Intesa Democratica, insieme alla moglie Lucia Gaberscek, (presidente del Consiglio comunale di Taormina) starebbero valutando anche altri percorsi politici, esplorando in questa fase l’idea di qualche mossa decisamente clamorosa, per provare a sorprendere gli avversari e sparigliare le carte. Attenzione, dunque, ai prossimi sviluppi della situazione su questo fronte decisamente “caldo”.

ARTICOLI CORRELATI

POTREBBE INTERESSARTI

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

35,398FansMi piace
1,564FollowerSegui