HomePoliticaTaormina 2023, Bolognari "costretto" all'annuncio di Capodanno

Taormina 2023, Bolognari “costretto” all’annuncio di Capodanno

TAORMINA – Mario Bolognari annuncia la sua ricandidatura a sindaco di Taormina e ufficializza così una decisione che era ormai nell’aria da diversi mesi. Eppure l’ufficialità della sua discesa in campo, data dal primo cittadino alle porte del Capodanno, è parso a molti una sorpresa per come è maturata e soprattutto per il momento preciso in cui questa comunicazione è arrivata.

Bolognari ha reso nota la sua ricandidatura il pomeriggio del 31 dicembre, a 48 ore di distanza da un incontro che il suo principale alleato, Mario D’Agostino, aveva tenuto in un noto hotel della città, alla presenza del suo gruppo politico, con diversi simpatizzanti e soprattutto esponenti della maggioranza attuale, assessori e consiglieri. Un brindisi di fine anno anno, ma soprattutto un’occasione in cui era emerso un sentimento comune di perplessità all’opportunità del sostegno alla ricandidatura di Bolognari e la propensione, piuttosto, ad andare nella direzione di una discesa in campo di D’Agostino candidato sindaco.

Ovviamente si dirà che non è accaduto nulla di significativo ma, al netto delle eventuali smentite di rito, risulta invece che Bolognari non abbia gradito affatto quella circostanza e le relative dinamiche. E’ chiaro che il sostegno di D’Agostino alla ricandidatura del professore, con i numeri determinanti del gruppo politico che fa capo al chirurgo taorminese, disegna uno scenario ben preciso. Un’altra storia si delineerebbe all’orizzonte, invece, se D’Agostino dovesse togliere il suo appoggio a Bolognari per le prossime elezioni e si tratterebbe di una defezione pesante per l’aggregazione del primo cittadino.

E allora eccola la contromossa di Bolognari, che ha deciso di stringere i tempi e rompere gli indugi, quasi obbligato a non esitare ancora per non farsi mettere all’angolo ed ad ufficializzare subito la sua candidatura. Lo ha fatto due giorni (casualità?) dopo quel momento conviviale dal quale erano arrivati segnali poco rassicuranti all’indirizzo del primo inquilino di Palazzo dei Giurati. Il contro-segnale ora lo ha recapitato il professore a tutti i suoi alleati e a D’Agostino in particolare. E’ un annuncio che mette il suo principale alleato di fronte ad un bivio stavolta immediato, sulla scelta definitiva al sostegno o meno alla ricandidatura dell’attuale sindaco.

ARTICOLI CORRELATI

POTREBBE INTERESSARTI

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

35,398FansMi piace
1,564FollowerSegui