Ars, approvata mozione revoca incarico a Tuccio D’Urso

Ars, approvata mozione revoca incarico a Tuccio D’Urso

10 Febbraio 2022 Off Di emanuelecammaroto

L’Assemblea regionale siciliana, presieduta da Gianfranco Miccichè, ha approvato con voto segreto la mozione di censura che impegna il Governo regionale, guidato dal presidente Nello Musumeci, alla revoca dell’incarico di coordinatore della struttura tecnica e di soggetto attuatore per l’emergenza da Covid-19 in Sicilia dell’ingegnere Tuccio D’Urso, per violazione dell’art. 1, comma 1, dell’art. 2, comma 2, e dell’art. 3, comma 3, del Codice di comportamento dei dipendenti della Regione Siciliana.

Una mozione di censura a firma del capogruppo di Forza Italia a Sala d’Ercole Tommaso Calderone e rivolta all’ex dirigente regionale finito sotto accusa, dopo aver esternato sui social commenti declassanti rivolti al Presidente dell’Ars a e ad altri deputati regionali di maggioranza ed opposizione: con il post su Facebook, poi rimosso, si criticava il Parlamento siciliano per avere bocciato la norma che avrebbe consentito ad alcuni superburocrati, lui incluso, di restare in carica per altri tre anni.

La nomina a suo tempo gli fu conferita dal Presidente della Regione Nello Musumeci, nella qualità di Commissario delegato emergenza Covid-19, a cui fa capo il ‘Piano di potenziamento della rete ospedaliera in Sicilia’. Dunque le critiche, poi seguite dalle scuse tardive di D’Urso, hanno praticamente aperto il conflitto soprattutto con gli alleati azzurri.

Interviene in aula l’assessore regionale della Salute Ruggero Razza “Nessuno ritiene che possano essere condivise o difese le espressioni utilizzate dall’ingegnere D’Urso. E poi voglio dire, affinché rimanga anche agli atti dell’Ars, in quest’ultima occasione, come in altre, il presidente della Regione è intervenuto più volte rispetto alle sue dichiarazioni. Fermo restando che non c’è una sola persona di quest’aula, o dalla parte dei banchi dell’Assemblea regionale o dalla parte dei banchi del governo, che pensi che chiunque svolga una funzione pubblica, quale essa sia e in qualsiasi ruolo chiamato a svolgere, debba essere tenuto al limite della continenza, al dovere della correttezza delle espressioni, ma penso però che accumunare le dichiarazioni che sono state propalate dall’ing. D’Urso al lavoro che è stato svolto dalla struttura commissariale nell’interesse del sistema sanitario della Regione sia un grande errore. Un fatto è certo: da un lato ci sono delle espressioni che sono state giudicate correttamente lesive della Istituzione e lesive della stessa fiducia che il presidente della Regione ha risposto nei confronti dell’ing. D’Urso, dall’altro c’è un lavoro che è stato svolto che non ci deve tra le ultime Regioni italiane, ma che ci vede come la prima nel rispetto dei tempi della pandemia”

 

 

© Riproduzione Riservata

L’articolo Ars, approvata mozione revoca incarico a Tuccio D’Urso sembra essere il primo su ilSicilia.it.