“Campi di concentramento per no vax”, medico di Palermo smentisce: “Sono stato hackerato”

“Campi di concentramento per no vax”, medico di Palermo smentisce: “Sono stato hackerato”

10 Febbraio 2022 Off Di emanuelecammaroto

Un attacco hacker dietro alla frase contro i no vax postata sul suo profilo Linkedin. E’ quanto sostiene il dirigente medico degli ospedali riuniti Villa Sofia – Cervello di Palermo sulla frase “se ne avessi la possibilità e l’autorità mi prodigherei per creare per i no Vax campi di concentramento” apparsa sulla sua pagina social. In una lettera indirizzata al presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo, al direttore sanitario di Villa Sofia-Cervello e ai sindacati il medico scrive: “di tale pubblicazione non ne riconosco la paternità“.

“Tengo a sottolineare che non ne condivido in alcun modo il contenuto – aggiunge – infatti, in forza al giuramento di Ippocrate che ‘illo tempore’ ho prestato, svolgo la mia attività all’interno della struttura ospedaliera da oltre 30 anni a favore di chiunque si presenti per essere curato nella struttura pubblica. Sia esso vaccinato o ‘no-vax’”.

Il medico annuncia querela adesso sperando di poter identificare i responsabili dell’hackeraggio del suo profilo social. “Poiché già in passato, più volte, sono stato oggetto di attacchi informatici – spiega – procederò legalmente nei confronti di coloro i quali saranno identificati come gli autori di tale hackeraggio del mio profilo su Linkedin, e su altre piattaforme”. 

© Riproduzione Riservata

L’articolo “Campi di concentramento per no vax”, medico di Palermo smentisce: “Sono stato hackerato” sembra essere il primo su ilSicilia.it.