HomePrimo pianoBenigni a TN24: "Ecco la verità sulla maggioranza, qualcuno cerca giustificazioni ingannevoli"

Benigni a TN24: “Ecco la verità sulla maggioranza, qualcuno cerca giustificazioni ingannevoli”

TAORMINA – “Qualcuno sostiene o rivendica di aver chiesto al sindaco di fare un passo indietro e lo colpevolizza per la sua ricandidatura? La verità è un’altra e bisogna raccontare i fatti per come sono andate realmente le cose”. Così Piero Benigni, consigliere comunale di maggioranza e componente de “La Nostra Taormina”, replica alle affermazioni di un esponente della coalizione eletta a Taormina nel 2018 che attraverso TN24 ha svelato i presunti motivi dell’implosione dell’aggregazione di governo.

“Caro direttore – spiega Benigni a TN24 – in riferimento all’articolo “Soffiata pesante: Così a Taormina si è spaccata la maggioranza” ritengo opportuno fare alcune mie considerazioni. La coalizione risultata vincente alle Amministrative del 2018 si è dotata sin dal primo momento di un gruppo di lavoro/tavolo politico comprendenti tutte le componenti presenti nella coalizione e con il compito di affiancare il sindaco, la Giunta e tutto il gruppo consiliare per l’attuazione del programma presentato alla città. Con la condivisione e l’impegno di tutti e l’assunzione di responsabilità del sindaco, della Giunta e dei consiglieri comunali, è stato possibile raggiungere alcuni risultati nell’interesse esclusivo della collettività, nonostante i due anni di pandemia che hanno bloccato l’intero paese: 1) Piano della viabilità; 2) Approvazione di n. 10 bilanci di ASM; 3) Revoca della liquidazione durata 11 anni e nuovo percorso gestionale con un regolare CDA; 4) Regolamento suoli pubblici; 5) Risanamento economico finanziario dell’Ente, comprensivo delle partecipate (Asm, Consorzio Rete Fognante; 6) Bando di gara per la definitiva gestione del Palazzo dei Congressi; 7) Regolamento per la Democrazia partecipata; 8) Progetti presentati e approvati tramite il PNRR per svariati milioni di euro; 9) Regolamenti e delibere di varia importanza”.

“Il tavolo politico sempre coordinato dal sindaco – continua Benigni – in considerazione della prossima scadenza elettorale, sin dal mese di Agosto ha iniziato un percorso di verifica per la continuità dell’attività amministrativa 2023-2028. Mi risulta che sin dal primo incontro, il sindaco prof. Mario Bolognari ha dichiarato la sua disponibilità a proseguire il percorso tracciato e mettendo in discussione anche un suo possibile passo indietro a beneficio di un’altrettanta autorevole candidatura. Mi chiedo: chi ha mai avanzato l’ipotesi di un eventuale passo indietro del sindaco e chi mai proposto un’ipotesi di candidatura alternativa? A mia conoscenza tutto ciò non si è mai discusso al tavolo preposto”.

Poi l’affondo di Benigni: “Oggi c’è il tentativo di giustificare alla città una scelta tattica incomprensibile per tempi e modi, inventando una narrazione per dare a quello che è successo un senso accettabile. Sono giustificazioni che traggono in inganno solo chi non conosce i fatti, che invece sono ben noti agli addetti ai lavori ed ai componenti della coalizione. Scelte ancor più ingiustificabili visto che mai sono state avanzate contestazioni sulla strategia amministrativa adottata dal sindaco, né sono state offerte altre soluzioni politiche nelle sedi in cui andavano discusse. Mi auguro comunque che quanto prima si possa ritornare a parlare di politica con la P maiuscola tralasciando ogni inutile polemica che possa ulteriormente ledere l’immagine della nostra città”.

ARTICOLI CORRELATI

POTREBBE INTERESSARTI

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

35,398FansMi piace
1,564FollowerSegui