Narcisse Taormina, la profumeria artistica che incanta il mondo

Narcisse Taormina, la profumeria artistica che incanta il mondo

2 Agosto 2022 Off Di RedazioneTn24

L’imprenditoria di Taormina conquista il mondo e un esempio di eccezionale lungimiranza, esemplare dedizione e meritato successo, arriva da Narcisse, la profumeria artistica ubicata nel cuore del centro storico della Perla dello Ionio, un mondo di profumi di nicchia che incanta una clientela sempre più ampia con la qualità dei suoi prodotti e la forza di un brand fortemente identitario.

Tratti caratteristici di questa azienda e di una profumeria diventata meta imperdibile per tanti turisti stranieri sono un’atmosfera tipicamente inglese, la raffinatezza del suo ambiente e un’infinità di odori ricercati, essenze antiche e pregiate racchiuse in bottiglie di cristallo dai profili luccicanti.

La storia e il successo di Narcisse si legano al nome di Alessandra Caltabiano, imprenditrice taorminese da sempre fortemente legata al suo territorio e che, spinta da questo suo amore, ha avuto la capacità di dare vita ad un prodotto di alto livello, caratterizzato dai tratti distintivi unici e inconfondibili. Narcisse, profumeria artistica, negli anni ha visto crescere in termini esponenziali la sua platea, è diventata eccellenza della Sicilia per un pubblico senza confini, con il suo target identitario orgoglio e vanto della nostra isola agli occhi di popoli e culture anche molto diversi dalle nostre.

Narcisse ha mosso i suoi primi passi nel 1986, il 23 aprile di 36 anni fa, sempre nello stesso immobile in Corso Umberto 33. L’idea di avviare una profumeria artistica veniva considerata, a quell’epoca, una scommessa in quanto nessuno sapeva di cosa si trattasse di preciso. Il tempo ha dato ragione ad Alessandra Caltabiano. “Ho scelto questo mondo perché credo di essere stata indotta, anche per le mie origini”.

Alessandra Caltabiano aveva un papà speciale, quel Giuseppe Caltabiano, venuto a mancare nel 2013, che per oltre 40 anni lavorò alle dipendenze di Gayelord Hauser, il medico igienista delle dive hollywoodiane che ospitò più volte Greta Garbo a Taormina, prima nella sua villa sulla rotabile Castelmola e poi in quella sulla spiaggia a Silemi, a pochi passi da Taormina, a Letojanni. Ed un ruolo speciale nella vita e nel percorso professionale di Alessandra Caltabiano lo ha avuto e continua ad averlo, anche la madre dell’imprenditrice, Mimma Ingegnere, una donna che non ha fatto mai mancare il suo sostegno ed è stata in questi anni un’architrave del “progetto” Narcisse. “E’ vero, anche mia madre mi ha molto aiutato e sostenuto in questo percorso, ha sempre avuto la percezione e la convinzione che la strada intrapresa fosse quella giusta e la sua vicinanza è stata fondamentale per arrivare a questi risultati”.

“La mia famiglia mi ha consentito di realizzare ciò che desideravo quando ero ragazzina. Ho vissuto la mia infanzia con il dott. Gayelord Hauser e il suo compagno Frey Brown. Quegli anni meravigliosi li ho vissuti tra i profumi e ne ho tratto ispirazione. Hauser era il dietista delle dive. Casa Hauser e Villa Silemi erano luoghi dove veniva il mondo intero. In quegli anni conobbi la “divina” Greta Garbo. Questa mia passione per la profumeria artistica nasce da lì. Prima di aprire il negozio sono stata anche in Francia, a Parigi. Da lì è iniziata questa scommessa. Ho cominciato a lavorare da giovanissima sull’artistica. I marchi al tempo erano Creed e Penhaligons, Floris, Diptique, Crabtree & Evelyn”.

“Poi nel 1988 è nata Aria di Taormina. Sono riuscita a dare vita a questo primo momento di svolta, con il lancio di cinque fragranze del marchio Narcisse, packaging in stile liberty, che nel tempo ho reso più adatto ad un contesto naturale, per poi cambiare completamente grafica e vestito”.

“Nel 2018 – racconta Alessandra Caltabiano – ci fu l’incontro con un ragazzo che lavora nel campo della moda, Filippo Lapi ed è stato un momento molto importante di cambiamento. Ho sempre pensato che se hai un prodotto di grande qualità con materie prime naturali e in più lo vesti bene, poi è più semplice che possa diventare un successo. Ognuno di noi ha un modo di vedere e sentire e ho creato queste fragranze con il desiderio di far conoscere la mia Taormina nel mondo, creando una cartolina liquida che porta la mia città in ogni parte del pianeta. In fondo, quello che rimane più di un viaggio è il ricordo del viaggio stesso che parte dalla nostra memoria olfattiva”.

Da quel momento si è determinato un cambio di passo nella valorizzazione del brand Narcisse. Quella profumeria artistica è diventato uno dei simboli di Taormina in tutta Italia e all’estero. “Oggi c’è una grande richiesta del nostro prodotto, abbiamo 37 punti vendita in Italia. Abbiamo iniziato a piccoli passi e oggi stiamo raccogliendo i frutti di tutti questi anni di lavoro e di impegno, in cui ci abbiamo sempre messo tanta passione e tanta voglia di migliorare”.

Narcisse non si è fermata neanche nei due anni difficili della pandemia: “Anche in quel momento complicato – racconta l’imprenditrice taorminese – la gente ha capito il senso del nostro concept e le persone hanno continuato a comprare le nostre fragranze, facendo sentire il loro legame con i nostri prodotti e anche questo è un segnale di straordinaria rilevanza”. “Devo ringraziare sicuramente tutto il mio staff, dalla prima all’ultima persona, tutti coloro che collaborano con Narcisse, che sono il segreto del successo, non si può prescindere da un lavoro di squadra e io ho sempre avuto il privilegio di poter lavorare insieme a persone eccezionali”.

Narcisse ha cosi ottenuto diversi successi con i suoi prodotti e qualcuno ha un senso speciale: come nel caso di Sir Harry Masaniello prodotto dedicato all’amato cane di Alessandra. “Harry è il mio grande amore. Abbiamo creato negli anni scorsi una linea con un alta concentrazione SHM che si declina in tre fragranze, Sir Harry Masaniello, “Malaverra”, dedicato a mio padre e “A Barunissa”, dedicata a mia madre.

Oggi Narcisse è molto più di una semplice profumeria, è un’azienda che non soltanto a Taormina polarizza il gradimento di una vasta clientela che va dai cittadini del luogo e dell’intero comprensorio, sino ai turisti ospiti dei grandi hotel della città e in questa profumeria fanno tappa famiglie provenienti da altre province dell’isola.

Tra gli eleganti scaffali in legno, che richiamo le antiche farmacie, si ritrovano profumi da tutto il mondo. I più prestigiosi profumi di nicchia: Amouage, Acqua Di Parma, Clive Christian, Nishane, Tiziana Terenzi, Parfum de Marly, Initio, Meo Fusciuni, Creed, Etàt Libre d’Orange, Montale, Juliette has a gun, Keiko Mecheri,, Mancera, Carthusia, Serge Lutens etc.etc.

Guidata dalla straordinaria passione, dal gusto raffinato e dal talento eclettico della sua fondatrice, Narcisse permette a chiunque un viaggio incantevole che riflette l’anima ma soprattutto i profumi della Sicilia nel mondo.

Narcisse ha conquistato il gradimento di clienti di ogni continente ed il suggestivo viaggio di questa splendida profumeria non conosce pause. C’è la clientela più affezionata, di tutta la Sicilia e di altre regioni italiane, e poi il pubblico europeo di Spagna, Francia, Inghilterra e tante richieste da paesi più lontani, da oltre oceano, dagli Stati Uniti e dall’Australia. All’orizzonte si intravedono anche margini significativi per inserirsi anche nei mercati orientali.

Dai primi di Settembre arriverà un’altra novità: ”Abbiamo reso le nostro home fragrance ancora più sicule, sempre più all’insegna di un forte spirito identitario. Vogliamo portare idealmente un pò di sole nelle case dei nostri clienti”.

“Non ci fermiamo e stiamo lavorando sulla linea corpo da declinare con cinque fragranze e sicuramente posso dire che abbiamo in cantiere importanti sorprese”, promette Alessandra Caltabiano, che già si prepara ad incantare la clientela di Narcisse con altre sorprese.