Cisl Palermo Trapani, Leonardo La Piana confermato segretario generale

Cisl Palermo Trapani, Leonardo La Piana confermato segretario generale

12 Febbraio 2022 Off Di emanuelecammaroto

Leonardo La Piana, 50 anni, palermitano dipendente Enel Servizio Elettrico, è stato confermato segretario generale Cisl Palermo Trapani, grazie al voto espresso dal consiglio generale eletto durante il terzo congresso provinciale, che si è svolto ieri e oggi al Saracen hotel di Isola delle Femmine.

Un cambio nella sua segreteria, il nuovo ingresso è Federica Badami, 38 anni di Misilmeri responsabile del personale del Caf Cisl Palermo e Referente della Cisl per i Rapporti con il Territorio della provincia di Palermo, che prende il posto di Giusi Sferruzza eletta nella segreteria della Fisascat Cisl Palermo Trapani, mentre resta confermato Massimo Santoro 53 anni di Marsala ex segretario provinciale Fai Cisl Palermo Trapani.  Una due giorni intensa quella del congresso durante la quale sono stati eletti anche il consiglio generale, l’esecutivo e la coordinatrice Donne Delia Altavilla, e che è stata conclusa dall’intervento del segretario generale Cisl nazionale Luigi Sbarra. Alla sua elezione il segretario generale ha ribadito l’esigenza di un dialogo costante con le istituzioni, con gli industriali, con tutte le forze produttive e sociali dei due territori di Palermo e Trapani.

Vogliamo Esserci per Cambiare le condizioni attuali dei nostri territori. Dal dialogo – ha detto La Piana – passa la visione futura che deve essere strategica centrata su ciò che c’è, come le grandi potenzialità di Palermo e Trapani e le provincie ma anche su ciò che deve essere realizzato per far in modo che la grande opportunità offerta dal PNRR non resti una chimera. Dobbiamo avere chiaro che i fondi del Piano saranno utili socialmente se saranno rispettate alcune condizioni: l’incremento dell’occupazione nei territori in cui il tasso di disoccupazione è consistente, l’applicazione dei contatti collettivi sottoscritti dalle organizzazioni sindacali più rappresentative; la nascita di progetti integrati di sviluppo, utili che restino attivi anche dopo.  Deve esserci coerenza tra quanto si decide in fase di programmazione degli interventi e la reale ricaduta sul territorio e sulle aziende che, messe alle strette, potrebbero provare a scaricare il costo sociale dell’interventi“.

La Piana ha poi aggiunto: “Siamo consapevoli del fatto che quando non c’è una visione d’insieme e strategica ognuno pensa di fare un pezzo e si convince man mano che quel pezzo possa diventare il totale. E’ il rischio della frammentazione senza visione. Ciò infatti è quello che pensiamo rispetto ai temi che riguardano le nostre province. Non siamo convinti, insomma, che coloro che devono decidere abbiano chiaro che il Sud di questo paese, la Sicilia, e più in particolare Palermo e Trapani partono da condizioni di svantaggio che se non colmate per tempo renderanno il gap, rispetto alle altri parti del paese ancora più ampio“.

Dobbiamo continuare a spingere per politiche attive universali che agevolino percorsi di ‘rinascita lavorativa’ e che aiutino tanti ragazzi e ragazze ma anche quella ‘generazione di mezzo’ dai 35 a 50 anni che rischiano di essere espulsi dal mondo del lavoro. Sarà necessario potenziare i Centri per l’Impiego per renderli efficaci nell’azione e più in linea con quanto accade in altri paesi europei che nel tempo hanno fortemente investito in questa direzione“.

Secondo la Cisl Palermo Trapani i due territori soffrono della: carenza di progettisti esecutivi negli enti locali; in sintesi non si possono realizzare i progetti esecutivi perché le pubbliche amministrazioni non sanno a chi farli predisporre. “Bisogna pensare al reclutamento di questo personale specializzato nelle pubbliche amministrazioni“. C’è il know – how di tante imprese siciliane e territoriali che sono leader in alcuni settori ma nello stesso tempo e il tessuto imprenditoriale locale è debole finanziariamente per reggere l’impatto del PNRR e spesso restio alle sinergie di filiera. Le aziende sono restie ad investire perché sostengono un costo della energia tra i più alti di Italia, utilizzano infrastrutture scadenti, sanno di non poter contare su un piano industriale regionale prospettico e quindi, non intravedono una idea di futuro. La situazione del lavoro nelle nostre province presenta una condizione di povertà determinata da alcuni indicatori quali la bassa competitività del sistema, il minor numero delle ore lavorate, la manodopera sempre meno qualificata.  Si continua a morire per lavoro, “per questo chiediamo a gran voce – ha ribadito il segretario generale della Cisl Palermo Trapani – più controlli, il rilancio del lavoro delle RLS, che si faccia formazione sulla cultura della sicurezza, che si crei una sorta di patente a punti sulla sicurezza. Sta di fatto che ormai questa è una vera e propria pandemia” ha concluso La Piana.

© Riproduzione Riservata

L’articolo Cisl Palermo Trapani, Leonardo La Piana confermato segretario generale sembra essere il primo su ilSicilia.it.